venerdì, 14 Maggio 2021

Servono più manager per il turismo italiano

Convegno Ehma Italia, Federalberghi e IIM rilancia disegno di legge bipartisan Cazzola-Mosca

"Temporary Management per la crescita dell'hôtellerie italiana" è stato l'oggetto di un interessante e affollato convegno organizzato lo scorso 14 settembre all'Hotel Principe di Savoia di Milano da Ehma Italia, Federalberghi e IIM Institute of Interim Management – Italian Chapter. Il titolo del convegno, era di per sé una novità, mettendo insieme due mondi che fino ad oggi non si sono praticamente mai incontrati.
Per facilitare l'incontro tra il mondo del temporary management e le pmi del comparto alberghiero, gli organizzatori hanno preso spunto dal libro "Soluzione Temporary Management" di Maurizio Quarta.
I lavori sono stati aperti da Magda Antonioli, direttrice del Master in Economia del Turismo di SDA Bocconi, a cui è seguito l'intervento di Paolo Rubini, direttore generale di Enit. Il bisogno di managerialità è stato poi sostenuto con forza da Alessandro Cianella, direttore generale di Federalberghi nonché legal advisor di Ehma, il quale ha sostenuto che il cambiamento è prima di tutto culturale e richiede non solo competenza tecnica e specialistica, ma anche strategica, di visione, e legata a tematiche di crescita e sviluppo. Cianella ha evidenziato alcune delle aree che potrebbero maggiormente beneficiare dell'intervento di un Temporary Manager: quelle legate alle più recenti innovazioni tecnologiche e di processo, come il posizionamento sui new media, l'informatizzazione della gestione, l'introduzione di moderni strumenti di controllo di gestione e analisi dei costi. Con un'attenzione particolare al delicato tema del passaggio generazionale.
Con l'intervento di Quarta, il convegno è entrato nel vivo del tema. Chiariti i punti fondamentali dello strumento, Quarta ha posto in evidenza alcuni elementi qualificanti per quanto riguarda il settore turistico alberghiero: come per le pmi industriali, il temporary manager è un ottimo strumento per acquisire know how; esiste una sostanziale arretratezza rispetto al sistema industriale e alla sensibilità che lo stesso dimostra verso il tema; è necessaria una sistematica politica di informazione e comunicazione rivolta alle pmi per aiutarle a comprendere lo strumento e le sue potenzialità applicative; la rilevanza del lavoro svolto e da svolgere in partnership con Ehma Italia, nella sua qualità di facilitatore della crescita culturale del sistema italiano.
Da ultimo, Enrico Pedretti per Manageritalia ha evidenziato la scarsità, anche numerica, di manager nel comparto, mentre l'intervento di Alessia Mosca, segretario della Commissione Lavoro della Camera, presentato da Maurizio Quarta, ha riproposto il tema del sostegno legislativo a favore delle pmi che utilizzino Temporary Manager (con riferimento all'attuale disegno di legge bipartisan Cazzola-Mosca attualmente in fase di lavorazione).

News Correlate