mercoledì, 2 Dicembre 2020

Turismo residenziale dimenticato dal governo: la denuncia di Bettanin

“Il turismo residenziale, quindi in appartamento o in strutture extra-ricettive, rappresenta più della metà del comparto dell’hospitality in Italia. Eppure il governo lo ha dimenticato, escludendolo anche dal bonus vacanza”. É quanto ha affermato Stefano Bettanin, presidente di Property Managers Italia, Associazione nazionale di categoria del turismo residenziale che rappresenta 600 aziende: circa 50 mila alloggi, come appartamenti, ville e case galleggianti.

“Ogni misura a sostegno delle imprese del turismo deve includere tutte le società regolarmente operanti che raccolgono e versano l’imposta di soggiorno – afferma Bettanin – quindi anche noi”. Bettanin chiede al governo “di estendere al settore del turismo residenziale le misure attualmente previste solo per il comparto alberghiero o per strutture ricettive in senso classico. Non ci dimenticate perché sarebbe come dimenticare un pezzo del Paese che non tornerà se non viene aiutato ora – conclude – a danno non solo delle aziende, delle famiglie, dei lavoratori che rappresentiamo, ma di tutta l’economia italiana. La pandemia Covid-19 ha azzerato le prenotazioni e quindi il fatturato da fine febbraio per tutto marzo, aprile e maggio. Si intravede una timida ripresa per l’estate 2020, grazie alla domanda interna”.

News Correlate