Wuhan isolata, a Fiumicino l’ultimo volo dalla città cinese: nessun caso sospetto

Sono transitati in un “canale sanitario” dedicato, lontano dalle aree di transito degli altri passeggeri in arrivo a Fiumicino, i 202 viaggiatori provenienti dalla città cinese di Wuhan, epicentro del coronavirus. A loro sono state applicate per la prima volta le procedure disposte dalle autorità dopo la diffusione del contagio. Appositi scanner hanno controllato la temperatura corporea dei passeggeri del volo di linea diretto della China Southern Airlines Cz 645, atterrato alle 4.50 all’aeroporto di Fiumicino. “Il canale sanitario ha funzionato bene e le procedure concordate con il Ministero della Salute, che ha la competenza e la responsabilità sulla gestione di questo tipo di situazioni, sono state seguite fedelmente. Tutto si è svolto in modo regolare, terminando le operazioni poco dopo le 6”, ha detto Ivan Bassato, direttore operativo di Adr.

Oltre allo screening, per i passeggeri del volo (alcuni sono solo transitati nello scalo di Wuhan ed arrivano da altre località) è prevista anche la compilazione di una scheda che indichi destinazione e percorso una volta sbarcati, in caso la malattia si sviluppasse successivamente, dopo la fase di incubazione. I viaggiatori, molti dei quali con indosso le mascherine, per la maggior parte di nazionalità cinese, pochi italiani, una coppia di australiani, sono stati fatti transitare, dopo lo sbarco, in una sala appositamente attrezzata per effettuare i controlli, lontana dal transito di passeggeri di altri voli in arrivo. Le immagini raccolte dagli scanner sono state esaminate dal personale medico preposto a individuare eventuali passeggeri con la febbre o altri sintomi. I passeggeri sono stati poi trasportati al Terminal per proseguire i normali controlli di sbarco e ritiro bagagli. Non si ha notizia al momento di alcun caso sospetto.

Intanto il volo della China Southern Airlines programmato per questa mattina dall’aeroporto di Fiumicino per Wuhan, alle 12.30, non partirà più per la città da cui si è diffuso il coronavirus, come da piano operativo, ma sarà diretto a Canton. La decisione arriva dopo che le autorità di Wuhan hanno deciso di fermare temporaneamente il trasporto pubblico, tra cui treni ed aerei in uscita, per contrastare la diffusione del virus. Nella sola provincia cinese si contano almeno 17 morti, e non aiuta il fatto che questa metropoli di 11 milioni di abitanti sia un importante snodo per il trasporto della regione. In un momento in cui centinaia di milioni di persone viaggiano su treni, aerei e autobus in tutto il paese per riunirsi ad amici e parenti per le vacanze del capodanno, che inizia venerdì.

“La autorità cinesi stanno prendendo gli opportuni provvedimenti, è tutto sotto controllo”, ha riferito un palermitano che vive stabilmente in Cina sbarcato questa mattina a Fiumicino dal volo della China Southern Airlines proveniente da Wuhan. “C’è il Capodanno cinese, molti sono in viaggio e tutti al loro posto per controllare la situazione”, ha aggiunto l’uomo che non si dice particolarmente preoccupato: “ci hanno avvisato della situazione, era tutto monitorato. Bastava stare attenti e prendere le precauzioni giuste. Non c’era nulla da preoccuparsi. Sull’aereo ci hanno dato questa mattina dei moduli da compilare e successivamente ci hanno controllato, con gli scanner, la temperatura corporea. Non mi risultano episodi sospetti”.

News Correlate