sabato, 25 Settembre 2021

2013 negativo per parchi divertimento: bene stranieri e vendite on line

Un'altra annata con il segno meno per i parchi di divertimento italiani: secondo un rapporto di Anesv-Parchi Permanenti italiani, si è registrato un calo di visitatori fino al 10% nel 57% dei casi, e di qualche punto maggiore per il 30% delle strutture. I parchi acquatici hanno invece subito una flessione media dell'8%, dopo due anni di tenuta sostanziale. 
Tra le cause, "oltre al difficile momento economico – spiega l'associazione di categoria – che condiziona la propensione alla spesa dei cittadini, ed ai dati corrispondenti riguardo al mercato turistico, anche l'elemento meteorologico, che ha condizionato pesantemente l'avvio della stagione".     I dati tuttavia evidenziano alcuni elementi positivi: innanzitutto il dato sulle presenze straniere. In genere il dato numerico è stato confermato rispetto al 2012 "ma in alcuni casi c'è una tendenza positiva, la stessa che hanno registrato gli albergatori", rileva l'Anesv.
Altro elemento interessante, il dato sulla vendita di biglietti online.
In Italia ci sono circa 200 parchi di divertimento, tra tematici, acquatici e faunistici, ai quali si sommano gli oltre 200 parchi avventura, e sono visitati annualmente da oltre 18 milioni di persone.

News Correlate