lunedì, 15 Agosto 2022

Atlantia, ricavi su con ripresa traffico aereo e autostradale

Atlantia, crescono traffico e ricavi.

Il traffico torna intenso, sia su strada che negli aeroporti, e le performance di Atlantia riacquistano vigore. Nei primi sei mesi del 2022 ha aumentato i ricavi del 18% (3,3 miliardi di euro) e il margine operativo lordo (EBITDA) del 22% (2,1 miliardi). Anche l’utile netto è salito fino a 6,1 miliardi, grazie anche alla cessione di Aspi che ha fatto realizzare una plusvalenza di 5,3 miliardi e ha influito sulla riduzione dell’indebitamento (-8,8 miliardi di euro rispetto a fine 2021).

Il Cda di Atlantia non ha solo approvato i conti di un semestre positivo, ma anche chiuso il contratto dell’ad Carlo Bertazzo, formalizzando l’accordo di risoluzione consensuale come richiesto dal manager dopo l’annuncio del delisting del titolo dalla Borsa Italiana. Bertazzo resterà in carica fino al 31 dicembre 2022, “così da garantire la piena operatività aziendale, ferma la facoltà della Società di anticipare la data di cessazione”, spiega Atlantia.

“I dati di traffico del primo semestre 2022 (+3,9% per il comparto autostradale e -38,4% per il comparto aeroportuale rispetto ai valori del 2019) hanno confermato il ritorno del traffico autostradale ai livelli pre-pandemia e una ripresa del traffico aeroportuale superiore alle aspettative di inizio anno, in particolare a partire dalla stagione primaverile. Tale recupero è proseguito anche nel mese di luglio 2022. Assumendo il mantenimento degli attuali volumi di traffico anche nella seconda parte dell’esercizio corrente, è possibile stimare per il 2022 un traffico autostradale in crescita di circa il 4% e un traffico aeroportuale in diminuzione di circa il 30% sempre rispetto al 2019”, ma in aumento del 295% rispetto al 2021, si legge nella relazione finanziaria semestrale approvata dal Cda.

News Correlate