martedì, 29 Settembre 2020

Delrio: Fs in Borsa? sicuramente non in questa legislatura 

Si allungano i tempi per la quotazione di Fs, che sicuramente sarà un tema per la prossima legislatura. Lo sostiene il ministro dei Trasporti Graziano Delrio a margine dell’inaugurazione dell’Expo Feroviaria di Rho (Milano). “Adesso abbiamo chiarito diverse questioni – ha detto – abbiamo chiarito la difficoltà di introdurre nella quotazione i treni regionali dopo che avevamo già escluso la rete ferroviaria” che “come sapete – ha precisato – è una ipotesi che non volevo. Adesso si continua a lavorare sui dati di Trenitalia della lunga percorrenza – ha aggiunto – ma non credo sia nell’orizzonte immediato, però il lavoro continua”.

Alla domanda se la quotazione in Borsa sarà un tema per la prossima legislatura, Delrio ha replicato “sembra complicato chiudere in questi 2-3 mesi, abbiamo già la fusione Fs-Anas che è un grande progetto industriale di rilevantissima importanza per il sistema paese che può permettere all’Italia di avere una grandissima azienda infrastrutturale”.

Il piano industriale di Fs comunque non cambierà con il rinvio del progetto di quotazione annunciato dal ministro, ha detto l’ad Renato Mazzoncini spiegando che “se si guarda al Piano industriale presentato lo scorso anno, avevamo stimato che alla chiusura del business plan ci fosse la quotazione del 30% di Fs”.
“Non avevamo messo una indicazione temporale – ha aggiunto – perché sapevamo che c’erano delle variabili esogene rispetto all’operazione, per questo il piano industriale resta invariato rispetto alla quotazione”. Secondo Mazzoncini “la quotazione delle Frecce è più una questione aggressiva mentre da un punto
di vista economico i soldi che verrebbero sarebbero modesti”. A suo avviso “ci sarebbe solo qualche punto percentuale in più, poco rispetto alla mole di investimenti che abbiamo previsto nel piano”.

News Correlate