I cinesi tornano a viaggiare, boom di prenotazioni per la Festa delle barche drago

In Cina i tre giorni della Festa delle barche drago, conclusi sabato scorso, 27 giugno, hanno visto segnali positivi di ripresa del turismo e dei consumi online, nonostante l’epidemia di coronavirus. L’acquisto di biglietti per i siti turistici è aumentato di oltre quattro volte e le prenotazioni di alberghi sono più che raddoppiate rispetto ai tre giorni di vacanza della Festa di Qingming dello scorso aprile.

Inoltre, Trip.com Group ha dichiarato che durante il periodo delle feste le ricerche relative alle visite nel Paese e la domanda di prenotazioni di biglietti aerei sono state circa il 70% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. A livello locale, stanno riaprendo le mete turistiche, con un aumento anche del traffico pedonale. Oltre 23.000 persone hanno visitato i celebri Guerrieri di Terracotta nella provincia dello Shaanxi nel nord-ovest della Cina durante i tre giorni della Festa delle barche drago. Obbligatoria la prenotazione e visite contingentate al museo, per un massimo di 8.000 persone al giorno, come parte degli sforzi per prevenire i contagi da coronavirus. Per entrare nel museo i visitatori hanno dovuto mostrare i loro codici sanitari QR, farsi prendere la temperatura e indossare la mascherina.

News Correlate