sabato, 6 Marzo 2021

Londra sogna la normalità da metà giugno ed è boom di prenotazioni di viaggi estivi

Primo rimbalzo positivo sul fronte delle prenotazioni turistiche e aeree in generale nel Regno Unito dopo l’annuncio del piano in 4 fasi – pur prudentissimo e condizionato all’andamento della pandemia e della campagna di vaccinazioni – che nelle intenzioni del governo del premier Boris Johnson dovrebbe portare il Paese gradualmente fuori dal lockdown: iniziando dalla riapertura delle scuole l’8 marzo e poi, attraverso altre tre tappe, fino a un’ipotesi di sostanziale (per quanto non totale) normalità a partire dal 21 giugno.

Secondo compagnie e tour operator, l’effetto è stato immediato, con una prima ondata di biglietti o pacchetti prenotati per l’estate. Non mancano intanto pressioni dall’industria del settore – e anche l’azione di lobby di alcuni deputati della stessa maggioranza Tory come l’ex premier Theresa May – per un’accelerazione del governo su questo fronte. Ma sul punto Johnson è stato fermo: una ripresa dei viaggi internazionali per turismo, o comunque una liberalizzazione degli spostamenti non legati ad assoluta necessità, non è prevista prima della terza fase della roadmap, dal 17 maggio in avanti; con l’indicazione di possibili dettagli rinviata al più presto a metà aprile.

News Correlate