martedì, 25 febbraio 2020

2020 anno cultura e turismo Cina-Italia: il 21 gennaio cerimonia inaugurale

Il 2020 segna i 50 anni dell’avvio delle relazioni diplomatiche tra Italia e Cina, nonché l’anno dedicato alla cultura e al turismo tra i due Paesi, secondo l’accordo annunciato lo scorso marzo a Roma dai presidenti Xi Jinping e Sergio Mattarella.  A Pechino, presso il National Centre for the Performing Arts, si è tenuta una prima conferenza stampa introduttiva sulla prima edizione dell’Anno della Cultura da quella messa in campo nel 2006, mentre la cerimonia di inaugurazione con la diffusione del programma dettagliato si terrà a Roma il 21 gennaio alla presenza dei rispettivi ministri della Cultura.

Tra gli elementi emersi, l’attuazione ai gemellaggi siglati e da firmare dei siti Unesco italiani e cinesi, oltre all’interesse emerso da parte cinese di fare del Belpaese una meta turistica privilegiata. Già nel 2018 l’Italia s’è affermata come il Paese Ue più visitato dai turisti cinesi e al 12mo posto  della top 20 delle mete di destinazione dei flussi su scala globale.

L’ambasciatore italiano Luca Ferrari ha ricordato “l’amicizia antica, che affonda le proprie radici in una storia millenaria”, mentre nel ricco palinsesto figurano iniziative “per celebrare gli anniversari di Raffaello Sanzio e Federico Fellini”.

Ferrari ha poi ricordato il potenziale dell’accordo quasi da ‘open sky’ tra i due Paesi, siglato lunedì scorso da Enac e dalla agenzia omologa cinese con il quale verranno triplicati i collegamenti aerei settimanali con la Cina portandoli con effetto immediato a 108 dagli attuali 56, fino ai 164 attesi per l’estate del 2022.

News Correlate