mercoledì, 8 Dicembre 2021

Le vecchie stazioni si trasformano in mercati contadini

Ospitare negli edifici dismessi o nelle piccole stazioni i mercatini contadini di Campagna Amica, ma anche fiere ed eventi, e utilizzare i terreni prossimi ai binari, alle strade e a impianti di pertinenza delle società del Gruppo FS per realizzare impianti di produzione di energie rinnovabili, evitando così di sottrarre spazi alle coltivazioni agricole. Questi sono alcuni degli obiettivi dell’accordo presentato a Roma, da Ferrovie dello Stato e Coldiretti al 19° Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione.
L’intesa, sottoscritta da Luigi Ferraris, AD del Gruppo FS, e da Ettore Prandini, presidente della Coldiretti, punta anche a rafforzare il ruolo della ferrovia come infrastruttura logistica strumentale e funzionale allo sviluppo sostenibile della filiera agroalimentare. Un’ulteriore tema è la definizione di programmi innovativi sull’utilizzo di sostanze da chimica verde nei terreni di reciproca competenza, come le aree prossime ai binari. Lo scopo è quello di mantenere efficienti i 17mila chilometri di rete ferroviaria in modo ecologico attraverso lo studio e i test di prodotti totalmente green, biodegradabili nel suolo che non generino residui nel terreno o nelle piante trattate.
“L’accordo è un esempio della collaborazione che il Gruppo Fs Italiane sta implementando con vari stakeholder che sono protagonisti, insieme a noi, nel percorso verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile del Gruppo per il nostro Paese  – ha affermato il numero uno di Ferrovie – Rafforzare le attività per la filiera agroalimentare e condividere con Coldiretti una visione più ecologica dell’uso del suolo, delle aree attigue a ferrovie e strade dimostra come si possa andare verso un nuovo modello economico più responsabile ed inclusivo”.

News Correlate