mercoledì, 20 Gennaio 2021

A «I Suoni delle Dolomiti» la fisarmonica incontra il jazz

Sabato 6 al Rifugio Contrin doppio concerto per Gianni Coscia, che chiude la rassegna

Fisarmonicista, compositore, arrangiatore, Gianni Coscia è un raffinato ed autorevole musicista che esprime con linguaggio jazzistico i valori di culture e tradizioni popolari. Sabato 6 settembre porterà la propria fisarmonica a quota 2016, al Rifugio Contrin sulla Marmolada, dove per la rassegna «I Suoni delle Dolomiti» si esibirà in un doppio concerto, alle ore 14 (all’aperto) e alle ore 20.30 (all’interno).
Ex bancario, Coscia, ha abbracciato il mestiere del jazzista ritagliandosi un ruolo da protagonista a livello europeo. A lui, come ai grandi interpreti che lo hanno preceduto sulle montagne trentine, Galliano, Asenov e Salis, e con i quali ha più volte collaborato, va il merito di aver portato la fisarmonica, strumento relegato a feste di paese e di osteria, nell’olimpo della musica improvvisata.
Coscia ha suonato in numerosi festival del jazz italiani ed internazionali. Da qualche anno ha formato un fortunato sodalizio con Gianluigi Trovesi producendo due splendidi dischi. Insieme per la casa discografica ECM hanno inciso “In cerca di cibo”, con le note di copertina firmate dall’amico Umberto Eco. Per “Rifugio Armonico”, la mini-rasasegna che la sera porta la musica de «I Suoni delle Dolomiti» anche dentro i rifugi, Gianni Coscia proporrà brani del proprio repertorio ricco di improvvisazioni e di contaminazioni.
In occasione del concerto sarà possibile effettuare un’escursione accompagnati dalle Guide Alpine del Trentino (per prenotare telefonare allo 0462 750459).
Info: 0462 601113

News Correlate