giovedì, 15 Aprile 2021

Aeroporti, a Caselle pronto il piano per Torino 2006

Stanziati 90 Mln per ampliare lo scalo e sopportare il transito di 150 mila persone in 15 giorni

Una capacita’ di movimento orario
incrementata, nuove aree per l’ accoglienza dei passeggeri, un
servizio bagagli piu’ efficiente ed una serie di procedure
operative in grado di gestire l’ arrivo e la partenza di almeno
150 mila persone in appena 15 giorni. E’ quanto prevede il piano
operativo che Sagat e Toroc hanno elaborato per l’ aeroporto di
Caselle, lo scalo delle Olimpiadi invernali di Torino 2006.
”Dopo mesi di lavoro sulla pianificazione strategica e su
quella concettuale, siamo ora giunti alla fase operativa”, ha
spiegato il direttore Trasporti del Toroc, Paolo Balistreri,
illustrando il piano insieme al direttore generale di Sagat,
Marco Morriale. ”Si tratta – ha aggiunto quest’ ultimo – di un
punto di partenza nodale per la gestione corretta dei flussi di
passeggeri che prevediamo di accogliere per l’ evento”. Le
previsioni parlano di picchi di 10 mila persone in arrivo e, per
il giorno successivo alla cerimonia di chiusura, di 20 mila
passeggeri in partenza. Cifre che vanno ad aggiungersi a quelle
del traffico normale perche’, come ha sottolineato Balistreri,
”il Toroc con i suoi passeggeri olimpici – ha detto – si
inserira’ nell’ attivita’ quotidiana dello scalo”.
Ma come ci si sta preparando per gestire tutto questo via vai
durante il periodo delle gare olimpiche e di quelle
paralimpiche?. ”E’ stato fatto un piano di investimenti – ha
ricordato ancora Balistreri – da 90 milioni di euro (36,5 dei
quali stanziati dalla Sagat, la societa’ che gestisce lo scalo,
ndr)”. Queste risorse stanno permettendo una ristrutturazione
dell’ aeroporto che prevede, tra l’ altro, l’ ampliamento della
hall partenze (da 4 mila a 9.300 metri quadrati) e di quella
arrivi (da 1400 metri quadrati a 2.600), la realizzazione di
altri dieci gate di imbarco e di altrettanti nuovi banchi di
accettazione. In queste nuove strutture Toroc e Sagat hanno
ambientato il piano operativo, che prevede nei
minimi dettagli gli spostamenti dei passeggeri in arrivo e in
partenza. Controllo passaporti, accreditation e ritiro bagagli
sono le tappe per chi arriva, ”mentre chi parte – ha precisato
Morriale – potra’ effettuare il check anche sul sito olimpico,
in modo da ridurre le attese in aeroporto”.
I collegamenti tra Caselle, Torino e gli altri siti olimpici
avverranno grazie ad un sistema di autobus olimpici.

News Correlate