venerdì, 22 Gennaio 2021

Aeroporti, utile record per il Valerio Catullo (+111%)

Pierluigi Angeli nominato vice presidente

Si è tenuta ieri alle ore 11 all’Hotel Villa del Quar a Pedemonte, Verona, l’assemblea degli azionisti della Aeroporto Valerio Catullo di Verona Villafranca SpA.
All’ordine del giorno l’approvazione del bilancio d’esercizio 2003 e la nomina del nuovo Vicepresidente della Aeroporto Valerio Catullo SpA.
Evidenziando che il 2003 è stato un anno di record assoluti dal punto di vista del traffico passeggeri, – sono stati 2.452.723 i passeggeri del Catullo nel 2003 contro i 2.185.122 del 2002 (+12.21%) con il picco assoluto di passeggeri/mese raggiunto in agosto (330.726 unità) – il bilancio dell’esercizio 2003, si è chiuso con un utile netto pari a € 575.104 (+111% rispetto all’esercizio precedente), un fatturato di oltre 43 milioni di Euro (+20% rispetto al 2002) e da un risultato operativo (EBIT) superiore ai 2 milioni di Euro (quadruplicato oppure +208% rispetto al 2002), ed è stato approvato all’unanimità dai Soci presenti (95% degli Azionisti).
Il bilancio di gruppo del 2003, che si riferisce al consolidamento della controllante e della D’Annunzio SpA, di cui la Valerio Catullo SpA detiene una quota di partecipazione dell’85%, presenta attività per € 74.371.596 e un utile di gruppo pari a € 1.518.894, dato decisamente positivo soprattutto se confrontato con quello relativo al 2002, pari a € 337.872.
È stato inoltre nominato il nuovo Vicepresidente della Catullo Spa, il Dr. Pierluigi Angeli, in rappresentanza della Provincia Autonoma di Trento, secondo azionista della Catullo SpA, a seguito delle dimissioni per incompatibilità di carica dell’Assessore ai Trasporti della Provincia di Trento, Silvano Grisenti.
Nonostante l’anno in corso si sia aperto in uno scenario economico e politico caratterizzato a livello mondiale da grande incertezza, le aspettative per l’esercizio 2004 sono comunque incoraggianti anche alla luce della generale ripresa prospettata dagli esperti del settore aereo/turistico e confermata dalle previsioni di traffico estivo al Catullo.
Molte le novità in programma, dalle quali ci si attende un ulteriore incremento per i charter e un buon recupero anche sul fronte linea, che in questi ultimi mesi ha subito una certa flessione.
I dati di aprile danno fondatezza a queste attese facendo segnare un aumento complessivo del traffico passeggeri al Catullo del 12%, trainato dai brillanti risultati di entrambi i settori che costituiscono il core business dell’aeroporto scaligero: +15,7% i charter e +9,5% la linea.

News Correlate