lunedì, 18 Gennaio 2021

Aeroporto Federico II°, a Gela approvata la variante al PRG

L’aeroporto Federico II compie un altro passo per il “decollo”. Ieri mattina è stata approvata la variante al Piano Regolatore Generale del comune di Gela che consentirà l’ampliamento della pista. I tecnici incaricati hanno presentato allo Sportello Unico per le Attività Produttive, nel corso di una conferenza di servizi con gli enti preposti al rilascio del parere (Comune, Assessorato Regionale Territorio ed Ambiente, Società, Genio Civile e Sovrintendenza ai Beni Ambientali) il progetto per la variante alla pista: da 1800 metri a 4000 metri. La variante al Prg rappresenta un percorso indispensabile per la costruzione dell’agognata aerostazione in contrada Ponte Olivo. Adesso un ulteriore passo avanti dipende dal Comune. Il commissario regionale, l’ex prefetto Vittorio Piraneo nei prossimi giorni sarà chiamato a deliberare il provvedimento tecnico. L’iter amministrativo si chiuderà poi con le ultime formalità: il rilascio della concessione edilizia e gli espropri. Si tratta di dettagli che saranno definiti nel giro di poche settimane. Il progetto della società Federico II gode già dei consensi tecnici dell’Enac, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile. “Il cantiere – ha detto Francesco Benvenuti, presidente della società Federico II sarà insediato entro l’estate prossima. Il progetto sarà finanziato solamente da capitali privati”. Almeno un centinaio i miliardi per la costruzione dello scalo gelese. Entro un anno il primo decollo. Il progetto per la realizzazione dell’aeroporto è iniziato nel ’95 con la costituzione di un comitato promotore che poi si è trasformato in una società consortile per azioni Federico II.

News Correlate