mercoledì, 8 Febbraio 2023

Air One mette le ali ai Parchi

Il progetto del ministero dell’Ambiente si chiama “emozionatevi, naturalmente”

I parchi nazionali terresti e marini prendono il volo. Il ministero dell’ambiente, in partnership con Air One, lancia la campagna di comunicazione per la tutela e la promozione delle aree naturali e dei parchi marini. Il progetto ”emozionatevi, naturalmente” è stato presentato ieri mattina dal ministro dell’ambiente e della tutela del territorio, Altero Matteoli, dal direttore generale di Air One, Lino Bergonzi, e dal direttore del personale della compagnia aerea, Giorgio De Roni. I 47 parchi nazionali ”viaggeranno” per 6 mesi sui 250 mila libretti orari dell’Air One, su 400 mila carte d’imbarco
distribuite presso i principali scali italiani, 400 mila cover porta biglietti distribuite presso le biglietterie Air One. Inoltre il sistema delle aree protette sarà impresso su 2,4 milioni di salviette rinfrescanti distribuite a bordo mentre per i più piccoli sono previsti 40 mila giochi educativi con
protagonista Capitan Airon. Un concorso a premi per gli studenti delle scuole italiane, 4 workshop per agenti viaggio e 3 articoli sulla rivista di bordo internazionale della Lufthansa (200 mila copie ciascuna) sono gli altri capitoli dell’accordo. ”Sono convinto che ingessare le aree naturali non è nè giusto nè opportuno – ha sottolineato il ministro Matteoli -. I parchi possono rappresentare una fetta importante nell’industria del turismo. Quindi più si conoscono i parchi e più viene voglia di visitarli”. ”La collaborazione con il ministero dell’ambiente – ha detto Bergonzi – intende essere un esempio concreto delle possibili sinergie tra pubblico e privato. Da un lato miriamo a far conoscere sempre meglio il patrimonio naturalistico italiano, dall’altro desideriamo creare nuovi stimoli per far conoscere direttamente le aree protette attraverso una rete di collegamenti nazionali a tariffe competitive”. Con 26 scali il network Air One, ha sottolineato De Roni, ”consente di raggiungere quasi tutti i 47 parchi naturali con percorrenze in auto dagli aeroporti dai 20 minuti a un massimo di 2 ore”. Il progetto costerà 400 mila euro.

News Correlate