martedì, 26 Ottobre 2021

Alitalia, 2003 più nero del previsto

Andamento decisamente più severo rispetto a quello ipotizzato nel piano biennale

A fine 2003 Alitalia si aspetta un risultato economico ”di segno negativo”. E’ quanto si legge in una nota diffusa al termine del cda. ‘Si va delineando – è scritto – per l’intero 2003 un andamento economico più severo rispetto a quello ipotizzato nel piano biennale, con la conseguente aspettativa di un risultato
economico di segno negativo, tenuto conto che il contributo proveniente dalla gestione straordinaria non potrà raggiungere i livelli dell’esercizio 2002, difficilmente ripetibili. Il piano biennale predisposto dal management dell’aviolinea prefigurava infatti ”un sia pur contenuto utile netto”, anche
ipotizzando il concorso di misure pubbliche di sostegno di settore. L’attuale situazione di crisi in cui versa il settore aereo è ”senza precedenti” e alcuni mutamenti nella struttura dei ricavi ”devono essere considerati
come irreversibili”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Alitalia, Francesco Mengozzi. L’attuale scarsa flessibilità della struttura dei costi di Alitalia, ha affermato l’a.d., non consente una compensazione con il trend di settore negativo innescatosi dall’11 settembre e che perciò sarà necessario ripensarla in modo da poter affrontare le sfide del nuovo scenario. Per quanto riguarda una possibile alleanza con Meridiana, con la quale sono in corso trattative, Mengozzi avrebbe riferito al cda, stando a quanto trapelato, circa una positiva soluzione entro maggio. Ancora dai dati della trimestrale approvata in settimana dal board, complessivamente, il costo per consumi di materie e servizi e il costo del lavoro, pari a 1.135 milioni di euro, non hanno
presentato sostanziali differenze rispetti al primo trimestre 2002. Taglio di 552 dipendenti è il saldo del numero di addetti del gruppo al 31 marzo, mentre sempre alla fine di marzo la flotta operativa complessiva risulta composta da 179 aerei, di cui 124 di proprietà. Infine, il cda ha deliberato in merito al credito da parte di Baclays Bank per il finanziamento decennale di sei B777, per 544 milioni di dollari, prestito da perfezionare nei prossimi giorni.

News Correlate