mercoledì, 27 Gennaio 2021

Alitalia-Air France, alleanza di lungo periodo

I Cda delle compagnie hanno deliberato l’acquisizione di partecipazioni incrociate

Una scambio azionario del 2% attraverso acquisti in borsa o ai blocchi entro gennaio prossimo. I consigli di amministrazione di Alitalia e Air France, riuniti in parallelo a Roma e a Parigi, formalizzano l’operazione di cross equity al 2% annunciata nei dettagli venerdì scorso. La conferma della quota da incrociare e delle modalità con cui avviene, è piaciuta a Piazza Affari, che ieri ha premiato il titolo Alitalia. Operazione trasparenza: a questo avrebbero puntato i consiglieri di
amministrazione delle due aviolinee nel decidere modi e tempi dello scambio. Si ricorrera’, e’ stato deciso, a un acquisto di azioni direttamente dal mercato, o attraverso – come avviene a fronte di passaggi di mano di grandi pacchetti azionari – la negoziazioni ai blocchi. Due mesi sono i ‘tempi tecnici necessari all’operazione’, è il commento raccolto in ambienti industriali che stimano per Alitalia una spesa di circa 50 milioni di euro; molti di più rispetto a quanto spendera’ Air France per comprare Alitalia. Oltre tre ore di riunione quindi in parallelo con Parigi, per decidere l’operazione di ‘contaminazione’ azionaria, decisa nel luglio scorso. Operazione che, hanno deciso i due board, dovra’ essere concretizzata entro la fine di gennaio prossimo. Sulla quota del 2% il board avrebbe
raccolto la ‘raccomandazione’ giunta dall’azionista oltre un mese fa: sulla percentuale il Tesoro aveva infatti gia’ dato via libera. La decisione di ricorrere a un acquisto sul mercato e’ stata
ispirata, a quanto sembra, da criteri di trasparenza, per evitare qualsivoglia intento speculativo. Su questo punto vi sarebbe stato molto dibattito al tavolo dei consiglieri che hanno dato mandato al management di operare sul mercato ‘alle migliori condizioni possibili’. Altro elemento importante e’ la gradualita’ con cui avviene l’operazione, per evitare anche in questo caso turbative di mercato. Appare probabile che ad assistere Alitalia nelle operazioni di intermediazione bancaria
possa essere Sanpaolo Imi. ”Questa iniziativa di acquisizione di partecipazioni incrociate – hanno fatto sapere i due vettori partner in una nota congiunta diffusa al termine dei cda – unitamente alla già realizzata reciproca presenza di amministratori nei cda delle società, concretizza la volonta’ di Alitalia e di Air France di costruire un’ alleanza di lungo periodo, rafforzando i legami tra le compagnie europee nell’ambito di Sky Team”. E lo stadio dell’alleanza potrebbe non fermarsi qui: infatti lo scambio rappresenta, hanno detto le due compagnie, ”un ulteriore passo
nello sviluppo di accordi di cooperazione”.

News Correlate