Alitalia: Anpac contro la cessione di Eurofly a Volare

Fissato fermo trasporto aereo per il prossimo 6 settembre

L’Anpac scende in campo e preannuncia azioni di duro contrasto contro ”le determinazioni assunte dal consiglio di amministrazione di Alitalia di voler cedere Eurofly, il vettore charter del gruppo, alla compagnia Volare”. Contro la decisione di Alitalia – si legge in una nota – l’Anpac ha gia’ fissato una prima giornata di fermo del trasporto aereo per il prossimo 6 settembre, dalle ore 12 alle 16, ”a cui seguira’ una intensificazione ad oltranza delle successive azioni legali”. L’associazione dei piloti rileva e contesta ai vertici di Alitalia la mancata considerazione e tutela nei confronti di essenziali e delicati aspetti industriali, che vedono ancora operare la compagnia Volare al di fuori del rispetto di norme e politiche di impiego dei suoi piloti, delle quali l’Anpac (concordemente alle raccomandazioni e risoluzioni dell’associazione piloti europei Eca) ne pretende invece il rigoroso rispetto. ”L’Anpac – aggiunge la nota – condivide infatti l’impostazione che ritiene estremamente pericolose sul piano della sicurezza delle operazioni di volo, talune politiche industriali che ancora trovano applicazione in Volare, che si fondano sulla esasperata cottimizzazione dell’impiego dei suoi piloti. Queste politiche industriali – spiega l’Anpac – in mancanza di specifiche tutele a salvaguardia, rischiano adesso di venire implementate anche in Eurofly, analogamente a quanto gia’ accaduto durante l’acquisizione di Air Europe da parte di Volare e nella successiva sua incorporazione”. Inoltre l’associazione nazionale piloti osserva e denuncia anche ”il perdurante e per certi versi acquiescente ritardo da parte di Enac, a trattenersi dall’emettere la nuova disposizione che disciplina i limiti di impiego del personale navigante, analogamente agli standard ed alle raccomandazioni delle nazioni aeronauticamente all’avanguardia”.

News Correlate