mercoledì, 1 Febbraio 2023

Alitalia: Berlusconi, soluzione entro venerdì

Accettate le dimissioni di Mengozzi, la conduzione passerebbe a Zanichelli

“Oggi è stato fatto il punto della situazione, con i ministri. Domani ci saranno altri approfondimenti: l’obiettivo è di chiudere la questione entro il prossimo Consiglio dei ministri di venerdì”. Lo ha affermato ieri sera
Silvio Berlusconi, riferendosi alla vicenda Alitalia, al termine del lungo vertice con i ministri interessati. ”Abbiamo lavorato guardando a tutte le possibilità che ci sono. Continueremo anche domani. Abbiamo fatto convenire tutti i ministri interessati al problema”, ha ancora detto il premier ricordando che la presidenza del consiglio ha avocato a se la questione tramite il lavoro del sottosegretario Letta e dello stesso presidente del Consiglio. ”Continueremo i nostri approfondimenti e proveremo a chiudere per il consiglio dei ministri di venerdì”, ha aggiunto. Circa il cambio dei vertici di Alitalia il premier ha così risposto: ”stiamo guardando naturalmente a tutto, al piano e a tutti i dati che possano portarci ad individuare la soluzione più adeguata”. Secondo voci ben informate, però, la conduzione di Alitalia sta per passare nelle mani di Marco Zanichelli, il direttore generale della compagnia che da giovedì potrebbe assumere le deleghe dell’amministratore delegato Francesco Mengozzi. L’ad di Alitalia, affermano fonti vicine all’operazione, presenterà le dimissioni al consiglio di amministrazione convocato proprio quel giorno. Resterà invece al suo posto il presidente Giuseppe Bonomi. Il direttore generale, con le sue nuove deleghe, verrà incaricato di predisporre un nuovo piano industriale. Questo piano di azione sarebbe stato predisposto dopo la riconfermata indisponibilità dell’ad Mengozzi a portare avanti un piano industriale diverso da quello da lui predisposto. La soluzione individuata dovrebbe quindi consentire di traghettare l’azienda in attesa dei tempi di convocazione dell’assemblea straordinaria che dovrà nominare il nuovo amministratore delegato. In questo periodo, se non ci saranno sorprese giovedì in cda, Zanichelli assumerà in qualità di consigliere e direttore generale dell’azienda, le deleghe ora in mano a Mengozzi. Zanichelli è in Alitalia dal 1989 dove è arrivato come direttore delle relazioni esterne e comunicazione nella gestione di Giovanni Bisignani, l’amministratore delegato arrivato in azienda dall’Iri. Nato a Reggio Emilia nel 1947, Zanichelli è stato quindi nominato direttore centrale del Gruppo Affari Istituzionali e Comunicazione nel 1992, diventando anche membro del Comitato di Gestione e del Comitato direttivo. A settembre del 2001 è stato quindi nominato segretario generale, diventando responsabile della gestione del business attraverso il coordinamento gerarchico delle division e delle funzioni di staff centrale. Nello stesso periodo diventa membro di una serie di comitati di vertice, come quello della sicurezza o della qualità. Nel 2002 assume anche la carica di Alitalia Airport, incarico che tuttora ricopre, e a maggio del 2003 direttore generale e consigliere di amministrazione.

News Correlate