lunedì, 21 Settembre 2020

Alitalia, Bianchi va da Prodi

Padoa Schioppa non decide solo. Le nomine incidono sulle strategie del settore aereo

Le diverse posizioni tra Alessandro Bianchi, ministro dei Trasporti e Tommaso Padoa Schioppa, ministro dell’Economia, hanno portato Bianchi a chiedere un incontro con il presidente del Consiglio, Romano Prodi. Al centro del colloquio, l’esigenza di uno scambio di idee con il premier sul futuro di Alitalia, ed in particolare sull’opportunità o meno di un cambio ai vertici della compagnia di bandiera. L’incontro con Prodi è maturato dopo che il ministro dell’Economia, come azionista della compagnia (il Tesoro ha il 49,9%), ha confermato, nel corso della riunione a palazzo Chigi della “cabina di regia” sui Trasporti, la sua fiducia all’amministratore delegato e presidente, Giancarlo Cimoli, indicando anche che “avvicendamenti o modifiche ai vertici di Alitalia non sono all’ordine del giorno”. Bianchi, secondo quanto riferiscono fonti vicine al ministro, “è d’accordo sul fatto che il potere di nomina dei vertici della compagnia è del ministro dell’Economia”, ma rileva anche che “la gestione del sistema del trasporto aereo nel Paese”, di competenza del ministro dei Trasporti “è fortemente legata a strategia e gestione della compagnia di bandiera”. Sarebbe quindi “poco opportuno dividere in modo così netto due aspetti che si intrecciano e che andrebbero quindi affrontati insieme”. L’incontro con Prodi, potrebbe aver offerto l’occasione anche per fare il punto su Ferrovie, l’altro capitolo aperto sia sul fronte delle nomine che sulle strategie per il futuro della società.

News Correlate