sabato, 27 Febbraio 2021

Alitalia, Bonomi tuona contro Ryanair

Per il presidente della compagnia di bandiera il vettore low cost irlandese inquina il mercato

”Le low cost sono un fattore inquinante di mercato. Porteremo a Bruxelles la documentazione che evidenzia in modo chiaro, documentale e inoppugnabile l’esistenza di questi fattori inquinanti”. Giuseppe Bonomi, presidente di Alitalia, in un’intervista a Radio 24 torna ad attaccare le compagnie aeree low cost. ”Parliamo – dice Bonomi – in particolare di Ryanair. Abbiamo raccolto la documentazione
che concerne questa compagnia che sicuramente ha un atteggiamento disinvolto sul mercato”. Secondo il presidente di Alitalia le compagnie che offrono voli a prezzi stracciati
”godono di particolari contribuzioni attraverso rapporti
privilegiati con alcune società di gestione aeroportuale e
attraverso rapporti di favore con enti pubblici territoriali”. Bonomi afferma che queste compagnie su alcuni aeroporti in Italia ”hanno gratuità nei servizi di handling da parte del gestore aeroportuale e hanno piani di marketing, o presunti tali, sovvenzionati da alcune società di gestione aeroportuale e dagli enti pubblici territoriali a cui queste società di gestione aeroportuale fanno riferimento”. Il presidente della compagnia di bandiera italiana annuncia quindi un’azione legale a Bruxelles. ”E’ evidente che non possiamo rimanere insensibili – continua Bonomi – perché questo rappresenta un inquinamento di mercato non conforme al diritto comunitario. Il tutto non potrà che partire da una segnalazione precisa alla Autorità per la concorrenza a Bruxelles”. Per il presidente di Alitalia non si tratta di un fenomeno limitato: ”é molto esteso – ha detto – e ora abbiamo in mano i documenti per provarlo”.

News Correlate