lunedì, 28 Settembre 2020

Alitalia, Cimoli valuta offerte airbus

Il Sult: “Il rinnovo della flotta non può essere disgiunto dal piano industriale”

Un monitoraggio delle opportunità sul mercato nel quadro dei diversi settori di business. E’
questo, secondo quanto si apprende da fonti industriali, lo scopo dell’incontro fra il presidente e
amministratore delegato di Alitalia, Giancarlo Cimoli, e il numero uno di Airbus, Gustav Humbert, avvenuto ieri. Un incontro di routine che il manager della compagnia aerea ha con società produttrici o fornitrici di servizi, secondo le fonti. D’altronde, Alitalia non può acquistare nuovi velivoli se non a partire dal 2007 quando partirà la fase di rilancio, dopo la conclusione dei due anni di ristrutturazione, secondo l’ultimo piano industriale del 19 ottobre scorso che tiene conto delle indicazioni di Bruxelles sul prestito ponte da 400 milioni di euro. Al 31 marzo, la compagnia aveva una flotta di 180 aeromobili (fra passeggeri e cargo), di età media di 10,7 anni, di cui 152 operano su breve e medio raggio e 28 sul lungo raggio. Ma secondo il Sult, il rinnovo della flotta dell’Alitalia “non può essere disgiunto dalla definizione di un piano industriale che dovrà prevedere una missione aziendale specifica” e comunque “le risorse derivanti dall’aumento di capitale devono essere impiegate con grande accortezza”. “E’ evidente che – sottolinea ancora il sindacato – nell’ambito delle attuali risorse economiche disponibili, il massimo sforzo dovrà essere fatto per ampliare e rinnovare la flotta di aerei che effettuano voli intercontinentali”.

News Correlate