lunedì, 21 Settembre 2020

Alitalia: Deutsche Bank fiduciosa, ma attende da Cimoli il nuovo Piano

Confermata la massima ospitalità a creare il consorzio di garanzia all’aumento di capitale

Massima disponibilita’ ad andare
avanti per la creazione del consorzio di garanzia all’aumento di
capitale Alitalia da parte di Deutsche Bank, che appare
fiduciosa di poter realizzare l’operazione senza grandi
ostacoli. Questo a condizione che arrivi il nuovo piano che e’
stato chiesto a Giancarlo Cimoli.
E’ questo il segnale, secondo quanto si apprende da fonti
finanziarie, che i rappresentanti dell’istituto bancario tedesco
hanno cercato di dare nell’incontro tecnico convocato oggi al
Tesoro con le banche coinvolte nelle trattative per la
ricapitalizzazione della compagnia di bandiera. Oltre a Deutsche
Bank, che ha gia’ sottoscritto una lettera di intenti con
Alitalia in aprile, anche Banca Intesa ha preso parte
all’incontro. Ambienti vicini all’istituto tedesco sottolineano
cosi’ che la riunione si e’ svolta in un clima di piena armonia
sia con il Tesoro, sia con Banca Intesa.
Deutsche Bank, in particolare, non ritiene vi siano
sostanziali difficolta’ nella partita rispetto ai termini gia’
fissati nella lettera di intenti sottoscritta in aprile e resta
in stretto contatto con i vertici dell’Alitalia.
Dopo le difficolta’ sorte in agosto sul consorzio di garanzia
e la richiesta delle banche all’Alitalia di rivedere il piano
industriale alla luce degli ultimi rincari del petrolio, i
rappresentanti del Tesoro avrebbero cercato con la riunione
odierna di sondare direttamente con le banche le singole
posizioni.
Il piano Alitalia rivisto dal numero uno Gianfranco Cimoli
dovra’ recuperare secondo le prime stime tra i 300 e i 400
milioni di euro ‘bruciati’ dal caro-petrolio, visto che le
precedenti strategie per il triennio 2005-2008 erano state
calibrate sul greggio interno ai 40 dollari al barile, mentre
oggi l’oro nero viaggia oltre i 65 dollari.

News Correlate