sabato, 19 Settembre 2020

Alitalia, le vicende della compagnia diventano un libro giallo

Il titolo è “Aircrash – Anatomia di un flop”, scritto da una giornalista e un economista

Aircrash è la storia di un delitto annunciato, di una vittima illustre e reticente e di un colpevole che, come nei migliori delitti perfetti, rischia di non saltare mai fuori. Perche’ alla fine ragioni e torti dei protagonisti si
sovrappongono, fino a confonderne i contorni e le responsabilita’. E’ la storia di Alitalia, del suo declino piu’ recente, raccontata come un giallo, con l’intrigo da risolvere, il colpevole da ricercare, i testimoni da ascoltare, le carte da studiare e i periti da interrogare. A condurre questa indagine,
nei panni di due investigatori, sono una giornalista, Lucia Visca, e un economista, Fabrizio Spagna. Il ‘giallo’ si intitola ”Aircrash – Anatomia di un flop” e racconta le vicende della compagnia attraverso lo studio delle carte, dei numeri e delle testimonianze delle parti in causa. Concentrandosi, soprattutto, sulle vicende piu’ recenti, dall’ annus horribilis causato dagli
attentati dell’ 11 settembre che hanno messo in ginocchio il trasporto aereo a livello mondiale, ai tentativi di rilancio della compagnia italiana che, tra scioperi e ‘sick-in’ delle hostess, e’ stata alle prese con ben tre progetti industriali di rilancio: dal piano di risparmi di Francesco Mengozzi ai tagli
di Giancarlo Cimoli, passando per la ricerca di una pace sociale della breve gestione Zanichelli. ”E il quadro che ne emerge e’ scoraggiante. Leggere le
vicende recenti di Alitalia significa ripercorrere con gli autori una lunga sequela di errori di prospettiva, carenze manageriali, miopia della classe dirigente”, annota in un suo intervento Enrico Letta. Il finale, come in tanti racconti, resta aperto: ”la speranza e’ che almeno per una volta la cura funzioni, che Alitalia si salvi. Se accadra’ – sostiene nella prefazione
Daniele Repetto – Lucia Visca e Fabrizio Spagna potranno aggiungere un nuovo capitolo alla loro inchiesta. O magari riscrivere tutto cambiando stile”. Scegliendo un genere che ben si adatta al lieto fine.

News Correlate