giovedì, 24 Settembre 2020

Alitalia schizza in Borsa, piace l’ipotesi Lufthansa

Ieri a Piazza Affari le azioni della compagnia hanno guadagnato l’1,7%

Dopo la dichiarazione del segretario della commissione Lavori Pubblici e Trasporti del Senato, Paolo Brutti, su una possibile alleanza tra Alitalia e Lufthansa, ieri giornata in forte crescita a Piazza Affari per il titolo. Aiutate anche dalla discesa del prezzo del petrolio, le azioni della compagnia di bandiera sono schizzate verso l’alto sin dalle prime battute guadagnando a fine seduta l’1,67% a 0,93 euro, tra scambi particolarmente vivaci: sono passati di mano oltre 10,7 milioni di pezzi pari allo 0,77% del capitale ordinario. Le parole di Brutti, secondo cui ad una alleanza con i francesi di Air France-Klm sarebbe preferibile un avvicinamento alla compagnia di bandiera tedesca Lufthansa, hanno fatto breccia presso la platea degli investitori, attratti da una nuova opzione per il salvataggio della società italiana. Ma sul grosso pubblico degli investitori si sono abbattute anche altre indiscrezioni di stampa riguardo la compagnia aerea e le sue controllate. In particolare, sul mercato sono giunti i rumor relativi ad Az Service, il braccio del gruppo attivo nel comparto dei servizi, il quale potrebbe essere oggetto di uno ‘spezzatino’ dopo che, all’inizio di agosto, i vertici della società guidata da Giancarlo Cimoli hanno deciso la costituzione di tre società veicolo per la gestione di diversi rami d’azienda.

News Correlate