giovedì, 22 Aprile 2021

All’AST posti di lavoro a rischio

La denuncia della Filt-Cgil

“Ben 257 autisti dell’Ast autolinee rischiano di perdere il proprio posto di lavoro”. Lo afferma Maurizio Pellegrino, segretario regionale della Filt-Cgil. “Secondo la legge regionale – spiega Pellegrino – sono state bloccate le nuove assunzioni all’Ast, per consentire una più agile trasformazione in società per azioni. Adesso però quella legge, nata per favorire i lavoratori, rischia di ritorcersi contro di loro, visto che il nuovo contratto di lavoro, entrato in vigore a partire dal primo gennaio di quest’anno, prevede che la quota di lavoratori interinali non può superare la quota del due per cento rispetto al totale. E gli autisti in forza all’Ast superano di gran lunga quella quota. Il risultato è che adesso tutti gli interinali, 257 appunto, rischiano di essere lasciati fuori dall’azienda a partire dal 28 febbraio, quando scadranno i loro contratti”. I rischi maggiori sono per gli autisti impiegati tra Messina, Catania e Ragusa: “È nella parte orientale della Sicilia – conclude Pellegrino – che si concentra il maggior numero di quei dipendenti, la cui estromissione rischia di mettere a repentaglio anche la qualità del servizio dell’Ast”.

News Correlate