martedì, 20 Aprile 2021

Assotravel, ecco cosa prevede il decreto sulla competitività

Tre le direttrici: cabina di regia, riforma Enit e Internet

Nella seduta dello scorso 11 marzo il Consiglio dei Ministri ha approvato il Piano d’azione per lo sviluppo economico, sociale e territoriale (cd decreto sulla competitività).
Tra le diverse disposizioni contenute, l’art. 12 è specificatamente destinato al “rafforzamento e rilancio del settore turistico” operando su tre direttrici: la costituzione di un Comitato nazionale per il turismo, la trasformazione dell’Enit in Agenzia nazionale per il turismo ed il rafforzamento del progetto Scegli Italia.
Comitato Nazionale per il Turismo è istituito “al fine di assicurare il coordinamento stabile delle politiche di indirizzo del settore turistico in sede nazionale, e la sua promozione all’estero”. I compiti del Comitato, per la cui costituzione è atteso entro 30 gg. un decreto del Presidente del Consiglio, sono di “orientamento e coordinamento delle politiche turistiche nazionali e di indirizzo delle politiche dell’Agenzia”. Del Comitato saranno chiamati a fare parte, secondo modalità definite in un decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri da emanarsi entro 30 gg, Ministeri, Regioni e categorie (nel numero di tre). L’ipotesi di fare partecipare una rappresentanza degli agriturismi che aveva suscitato non poche perplessità, è stata superata.
Agenzia Nazionale per il turismo
“Per promuovere l’immagine unitaria dell’offerta turistica nazionale e per favorirne la commercializzazione, l’Ente nazionale del turismo, ENIT, è trasformato nella Agenzia nazionale del turismo, sottoposta all’attività di indirizzo e vigilanza del Ministro delle attività produttive”.
Si conferma la versione pubblica dell’organismo, al cui vertice sarà chiamato un Presidente ed un Consiglio di amministrazione.
Per quanto riguarda l’organizzazione e la disciplina della Agenzia, si rimanda ad un decreto da emanarsi “su proposta del Ministro delle attività produttive, di concerto con i ministri per la funzione pubblica, dell’economia e delle finanza, degli affari esteri, per gli italiani nel mondo e per gli affari regionali, sentite le organizzazioni sindacali di categoria maggiormente rappresentative, acquisita l’intesa con la Conferenza stato-regioni.”
A tale decreto è demandata anche la disciplina dell’Agenzia con riguardo alla istituzione di comitato tecnico consultivo, e dell’Osservatorio nazionale del turismo, nonché alla partecipazione negli organi della Agenzia, di rappresentanti delle regioni e delle associazioni di categoria.
Per quanto riguarda i finanziamenti, per il primo anno di operatività dell’Agenzia, viene destinato un fondo straordinario di 20 milioni di euro, mentre negli anni futuri Stato e Regioni contribuiranno alla gestione delle attività promozionali.
Tra i compiti della Agenzia, particolare cura è riservata allo sviluppo del turismo culturale.
Portale “Scegli Italia”
L’iniziativa è volta a promuovere il marchio Italia nel settore del turismo sulla rete internet. La “Presidenza del consiglio dei ministri, dipartimento per l’innovazione e le tecnologie, provvede, attraverso opportune convenzioni, alla realizzazione dell’iniziativa, alla gestione della piattaforma tecnologica, alla definizione delle modalità e degli standard tecnici per la partecipazione di soggetti pubblici e privati, in raccordo con l’Agenzia, i ministeri coinvolti e le regioni per quanto riguarda gli aspetti relativi ai contenuti e alla promozione turistica di livello nazionale e internazionale, e in raccordo con il ministero per i beni e le attività culturali, con riferimento al settore del turismo culturale”. Oltre agli ingenti stanziamenti già previsti, il decreto autorizza una spesa di 4,5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2005-2006, per la partecipazione del ministero dell’ambiente e della tutela del territorio al progetto Scegli Italia.

News Correlate