mercoledì, 27 Gennaio 2021

Astoi, con la guerra flessione media del 20%

Prevale comunque l’ottimismo, soprattutto se la guerra sarà breve. Nuovi rapporti con i charter

L’assemblea nazionale Astoi, riunitasi a Palermo in occasione di MediBit, fra i punti all’ordine del giorno il aveva anche il problema della guerra e il rapporto fra tour operators e vettori charter. “Siamo sostanzialmente ottimisti – ha detto Bruno Colombo – se la guerra durerà poco l’anno è salvo, anche perchè fino a pochi giorni fa le prenotazioni erano cresciute e la stessa Pasqua è stata prevenduta molto bene. E’ ancora troppo presto per quantificare la flessione dopo lo scoppio del conflitto, ma diciamo che nel complesso abbiamo registrato una flessione del 20% delle prenotazioni, con un incremento più cospicuo nelle zone calde”. Per quanto riguarda il rapporto con i vettori charter è stato stilato un contratto quadro che inserisce una serie di standard per la gestione della crisi. E’ stata avanzata anche la proposta di creare una banca dati charter, per ottimizzare costi e gestione passeggeri.

News Correlate