lunedì, 18 Gennaio 2021

Astoi, previsioni nere per l’incoming

Da Cernobbio emerge un calo del 7-8% di stranieri

Le previsioni dell’incoming in vista della prossima estate non sono buone. Il quadro e’ emerso nel corso del convegno ‘Le prospettive future del turismo organizzato in Europa’ organizzato da Astoi, Associazione dei tour operator, a
Cernobbio. Mentre buone notizie arrivano dal turismo interno – piu’ italiani trascorreranno le loro vacanze in localita’ balneari del Paese, che stanno recuperando competitivita’ confermando i prezzi dello scorso anno o abbassandoli fino ad una percentuale pari al 3% – non altrettanto avviene per il turismo straniero, che vedra’, la prossima estate, un calo pari al 7-8%. In particolare, proseguira’ l’assenza dei tedeschi mentre altri Paesi, come la Bulgaria, cominciano a essere sempre piu’ concorrenziali, riuscendo ad attirare quote di turisti dalla Germania e dal Regno Unito a discapito dell’Italia. E’ stato
calcolato che per la Pentecoste nel nostro Paese si registrera’ un calo del 30-40% di turisti dalla Germania rispetto allo scorso anno. E cosi’ – hanno osservato il presidente e il direttore di Astoi, rispettivamente Giuseppe Boscoscuro e Alberto Corti – l’accresciuto interesse degli italiani per le
mete nazionali non riuscira’ certo a compensare le perdite derivanti dai mancati arrivi stranieri.

News Correlate