lunedì, 29 Novembre 2021

Biteg 2005, il territorio si “gusta” a tavola

Dal 13 al 15 maggio Riva del Garda ospita la Borsa internazionale del turismo enogastronomico

Visitare una località partendo dall’enogastronomia, scoprendone sapori autentici, piatti ormai dimenticati e prodotti legati alla storia e alle tradizioni contadine è possibile. A questo universo è dedicata la Biteg, la Borsa internazionale del turismo enogastronomico e del territorio, in programma dal 13 al 15 maggio presso il quartiere fieristico di Riva del Garda. La manifestazione è una vetrina per l’offerta di pacchetti vacanze e prodotti gastronomici locali, nazionali ed esteri. Operatori del settore e turisti “gastronauti” avranno un intero fine settimana a disposizione per farsi prendere per la gola e farsi condurre lungo un itinerario che si snoda su 16 mila metri quadrati tra stand delle regioni, delle aziende di promozione turistica, delle strade del vino, dell’olio e dei sapori e dei consorzi agro-alimentari e di tutela delle produzioni tipiche, italiani ed esteri.
Accanto agli spazi espositivi non mancheranno eventi collaterali riservati ad operatori professionali ed alla stampa. Ma c’è spazio anche per il grande pubblico, che potrà partecipare agli “Itinerari del gusto”, oltre 40 appuntamenti tematici per degustare l’offerta enogatsronomica dei vari territori. A “Piazza Italia”, evento promosso dalle Pro Loco italiane, si potranno assaggiare ed acquistare prodotti della nostra tradizione culinaria. Numerose anche le iniziative nel centro storico di Riva, come la Piazza dei Risotti: sabato alle 18.00 in piazza Battisti verrà preparata una mega Paella, domenica a mezzogiorno sarà la volta di un gigante risotto all’isolana. In piazza Garibaldi si potranno ammirare le sfogline alle prese con la preparazione dei tortellini. E ancora spettacoli, eventi, iniziative conviviali, rievocazioni storiche e lavorazioni artigianali. Infine anche quest’anno Biteg propone i “Week end con gusto” un goloso fine settimana sul Lago di Garda con l’opportunità di apprezzare le ricette della tradizione trentina.

News Correlate