lunedì, 29 Novembre 2021

Bmt, si sgonfia la bolla cinese

Secondo i dati raccolti non è ancora quell’Eldorado di cui tutti parlano

‘Comprano’ l’Italia i buyer cinesi ma vogliono pagarla a poco prezzo. Malgrado la crescita dei flussi turistici dalla Cina segni un trend in ascesa del 41 per
cento rispetto al 2003 e il fatto che l’89 per cento degli operatori abbia in catalogo destinazioni italiane, lo sbarco del turista cinese si preannuncia meno interessante del previsto per il mercato dell’incoming vero e proprio, che si trovera’ a gestire un cliente che privilegia prevalentemente tour guidati nelle grandi citta’ d’arte, da visitare in pullman ma con budget di poco piu’ di 30 euro al giorno e un tetto di 2.000 euro per un tour di 15 giorni tutto compreso.
Sono questi i dati delle prime contrattazioni in corso alla IX edizione della Borsa Mediterranea del Turismo che ha ospitato per la prima volta una delegazione dei maggiori operatori cinesi giunti in Italia per incontrare l’offerta italiana. Da questo salone degli affari che e’ la Borsa Mediterranea
del Turismo, chiusosi ieri alla Mostra d’Oltremare di Napoli, arriva la conferma che la tanto attesa svolta data dall’arrivo in massa del turismo cinese e’ ancora tutta da cogliere e intercettare.

News Correlate