lunedì, 6 Febbraio 2023

Confcommercio, la crisi è grave e servono rispose urgenti

Billè scrive a Scajola per serrare i tempi

Serve una risposta urgente alla
gravissima crisi del turismo italiano organizzato attraverso
l’adozione di una serie di misure. E’ quanto, in sintesi, ha
scritto il presidente di Confcommercio, Serio Bille’, in una
lettera indirizzata al ministro delle Attivita’ Produttive
Claudio Scajola.
Bille’ ha sottolineato le gravissime ripercussioni sulla
attivita’ delle agenzie di viaggio e dei tour operators
determinate da una serie di eventi drammatici: lo tsunami
nell’area dell’Oceano indiano, gli uragani nell’area caraibica e
i recentissimi attentati di Londra e di Sharm El Sheikh.
”Le previsioni – evidenzia Bille’ nella lettera – sono, ad
oggi, di una perdita superiore al 20% nei consumi turistici
dell’estate 2005 rispetto alla situazione, gia’ negativa,
dell’estate del 2004. Una situazione difficilissima, dunque, con
rischi elevati di chiusure e di licenziamenti in un settore che
annovera 9.000 imprese, 11.000 punti vendita e 30.000 addetti”.
Bille’ ha chiesto quindi una risposta urgente alla crisi del
comparto del turismo organizzato italiano, attraverso l’
adozione delle misure gia’ illustrate al Governo dalla Fiavet e
dalle altre associazioni del settore nel corso dell’incontro
avvenuto nei giorni scorsi.

News Correlate