martedì, 25 Giugno 2024

Confcommercio, turismo sempre penalizzato e senza incentivi

Billè, bisogna creare le infrastrutture per un turismo moderno

L’attuale situazione, con continui aiuti per certi comparti dell’economia e l’assoluta indifferenza per altri, non va bene al presidente della Confcommercio, Sergio Billè, che chiede più attenzione per sostenere il turismo italiano. ”Quello che accade a Melfi è scandaloso: là ogni posto di lavoro costa al cittadino italiano 2 miliardi. Gli incentivi che vanno ad aiutare solo certi settori debbono finire. Esiste anche il turismo che sinora è sempre stato penalizzato”. Il presidente nazionale della Confcommercio Sergio Bille’ interviene duramente sulla politica del governo durante un convegno organizzato a Verona dalla Camera di Commercio della citta’ scaligera sul tema ”Turismo
motore d’Italia”. Billè sottolinea come ”tra qualche anno si dice che saranno
700 i milioni di turisti che verranno in Europa. Dobbiamo cercare di farli attrarre verso l’Italia e che non preferiscano altre Paesi come la Spagna”. Per fare questo, secondo Billè, è necessario creare un turismo moderno. ”Soprattutto a livello di infrastrutture adatte alla domanda – spiega – che ora sono insufficienti al Nord e addirittura inesistenti al Centro e al Sud. Ci vuole poi una politica fiscale che incentivi il settore del turismo, non è giusto che si vadano a premiare i soliti comparti e quello che accade a Melfi è emblematico”. Billè ha parlato anche delle problematiche relative alla moneta unica. ”E’ indubbio che l’euro ha creato qualche difficoltà, soprattutto sul tema della sicurezza – aggiunge – è altrettanto vero che la Francia, ad esempio, dopo l’introduzione dell’euro, ha ridotto l’iva per le imprese turistiche dal 20 al 6%. Probabilmente gli imprenditori del turismo d’Oltralpe contano più dei nostri”. Costanzo Jannotti Pecci, presidente di Federturismo di
Confcommercio ha ribadito come ”il nostro compito è quello di fare promozione all’estero perché i segnali non sono positivi: dobbiamo rendere l’Italia più appetibile sotto il profilo dell’offerta turistica. Per farlo c’è bisogno che tutte le componenti lavorino nella stessa direzione, sia le imprese che
le istituzioni pubbliche”.

News Correlate