sabato, 27 Febbraio 2021

Disponibili 940 Mln di Euro per le Attività Produttive del Sud

Altri 350 Mln potrebbero arrivare dall’Unione Europea

Sarà di 940 milioni di euro la disponibilità dei fondi attività produttive per il 2004 per il Sud, secondo i dati resi noti dal ministero Attività produttive nel corso dell’Osservatorio Fondazione Curella. Il calcolo viene fuori dalle precedenti assegnazioni delle leggi Finanziarie e dalla rimodulazione di risorse residue non impegnate. Di questi, 800 milioni si riferiscono ai contratti di programma e 140 milioni per i contratti di localizzazione. Inoltre, secondo quanto reso noto, altri 450 milioni di euro dovrebbero essere resi disponibili dal meccanismo di premialità Ue e di questi 300 milioni già certi e 150 milioni che potranno ancora essere attribuiti. L’ammontare dei 450 milioni di premialità potrebbe essere utilizzato per il finanziamento di un secondo bando Pia Innovazione e per il rifinanziamento dei fondi del bando 488 “Ambiente”. Per la 488, invece, fermo restando le risorse già certe per il 2003, ed attualmente in attesa di nuove assegnazioni per il 2004, si attende il riparto Cipe degli 8 miliardi del fondo unico per le aree sottoutilizzate. Per il 2003, la disponibilità dei fondi per il Mezzogiorno, ormai accertata per i bandi della 488, è di 1.395 milioni di euro per industria, turismo e commercio, 105 per il bando artigianato, 310 per il bando Ambiente e 40 per il bando isole minori. Inoltre, sempre per il 2003, sono disponibili 250 milioni per i contratti di programma e 260 milioni per 2 bandi della legge 215 per l’imprenditorialità femminile con competenza nel 2003 ma con impegno di spesa nel 2004. Un altro dato fornito dai dirigenti del ministero è quello relativo alle disponibilità complessive finora erogate per la 488. Dal 1996 al 2003 la disponibilità complessiva è stata di 17, 6 miliardi tra fondi Ue e dello Stato, con una media annua di 2,2 miliardi, che ha consentito una copertura media dei programmi validi del 50% circa con picchi del 92% di copertura per il primo bando e 30% per il terzo bando.

News Correlate