venerdì, 26 Febbraio 2021

E’ boom del geoturismo. Le grotte tra le mete preferite

In Italia quelle visitabili sono circa 200 e 3 milioni gli appassionati

Esplode la moda del geoturismo e tra
sentieri di montagna, vette e vulcani le grotte italiane si
aggiudicano il primato tra i siti turistici piu’ visitati,
battendo perfino il Colosseo o gli Uffizi. L’indicazione è stata fornita dall’esperto di turismo geologico Paolo Forti, professore di
geomorfologia e speleologia dell’universita’ di Bologna, nel
congresso mondiale di Geologia in corso a Firenze.
Nel mondo si stima siano 170 milioni i turisti che visitano
ogni anno le 5.000 grotte rese accessibili, per una spesa
complessiva di 1,5 miliardi di euro. In Italia sono circa 3
milioni le presenze annuali che si registrano nelle oltre 200
grotte nazionali aperte al pubblico, per una spesa complessiva
che si aggira sui 30 milioni di euro, cifra che deve essere
decuplicata considerando per l’indotto.
Se le grotte sono le piu’ gettonate, in Italia si stanno
facendo strada anche i parchi geologici, i primi dei quali
stanno nascendo in Emilia Romagna, e in Sardegna alcune vecchie
miniere dell’Iglesiente stanno diventando itinerari geologici
interessanti. Un esempio per tutti e’ la miniera di San Giovanni
a Iglesias dove, ha detto Forti, si trova una delle piu’ belle
grotte del mondo.

News Correlate