sabato, 27 Febbraio 2021

E’ nato il sito Internet per viaggiare nei balcani

L’iniziativa della Provincia di Trento intende aprire una porta ad est

”’www.viaggiareibalcani.org” è l’ indirizzo del primo sito internet italiano dedicato al turismo responsabile nei Paesi dell’ Europa sud-orientale, dalla
Slovenia alla Bulgaria. Lo hanno realizzato due associazioni che si occupano di turismo responsabile e di cooperazione comunitaria con i Balcani: Tremembè e Progetto Prijedor. Scopo dell’ iniziativa finanziata in parte della Provincia
autonoma di Trento, è stato detto nella conferenza stampa di presentazione, è di aprire una porta su una parte dell’ Europa, ricca di luoghi straordinari, di cui si conosce ben poco dal punto di vista culturale, storico e naturale, nonostante questi Paesi abbiano avuto nel passato stretti rapporti con il vecchio continente. Il sito, che secondo i promotori dovrebbe diventare un punto di riferimento per migliaia di viaggiatori di tutta Europa e che potrà essere arricchito dalle segnalazioni dei navigatori, è strutturato in una serie di itinerari che mettono in luce i luoghi di qualità, le ricchezze storico-archeologiche, quelle naturalistiche e ambientali, i costumi e le tradizioni locali. L’ home page è dedicata al villaggio Martin Brod, in Bosnia Erzegovina, dove nei prossimi giorni verrà allestito un campo di ripristino ambientale con ragazzi trentini e bosniaci. Il sito dunque si prefigge anche di stimolare progetti per viaggi intelligenti, ”affinché il turismo possa contribuire alla
rinascita sociale, culturale ed economica dell’ intera regione”. ”Viaggiare nei Balcani – ha sottolineato il responsabile dell’ associazione Tremembè Armando Stefani – vuol dire trovare pezzi della nostra cultura e nello stesso tempo acquisire anticorpi contro la guerra”.

News Correlate