venerdì, 23 Ottobre 2020

Enac, attendiamo il pronunciamento del Tar

Manera: “Ma l’alto livello di litigiosità va a scapito dei cittadini”

“L’Enac attende con deferenza il pronunciamento della magistratura sui ricorsi per i voli in
Sardegna, si attiverà immediatamente per attuare quanto stabilito e tutelare al meglio la comunicazione e l’interesse dei cittadini”. Questa la posizione del direttore generale dell’Enac, Silvano Manera, in merito ai ricorsi presentati al Tar del Lazio da Alitalia e, con motivazioni differenti, da Ryanair e Easyjet sulla questione dei collegamenti in regime di continuità territoriale con la Sardegna. Alitalia è stata riammessa temporaneamente ad effettuare voli su tali rotte, in base alla decisione dello stesso Tar, dopo “l’incidente di percorso nella procedura amministrativa” come Manera ha definito “la dimenticanza” del vettore che non ha presentato domanda alla scadenza del termine del 24 aprile scorso per l’effettuazione dei voli in regime sociale. I vettori low cost Ryanair e Easyjet si trovano in una situazione diversa come ha sottolineato ancora il direttore generale, poiché “si sono rifiutati di garantire i servizi sociali per tutto l’anno”. Di qui il ricorso “per poter operare al di fuori del regime comunitario”. Manera ha poi aggiunto che “una situazione del genere non avviene in altri Paesi europei anche se il numero delle rotte sociale è molto più elevato” e che “per l’alto livello di contenzioso alla fine ci rimettono i cittadini”. In regime di continuità territoriale – fa presente l’ente – oggi il biglietto di andata-ritorno Alghero-Roma per i residenti sardi costa 105 euro; 172,22 euro il costo sul mercato libero mentre il range va da 57,57 a 257,55 euro nel caso di biglietto con le compagnie low cost. Il pronunciamento della magistratura è atteso per l’11 maggio prossimo.

News Correlate