sabato, 24 Luglio 2021

Enac, multe per i voli in ritardo

Completato l’iter per attuare regolamento UE in difesa dei passeggeri

Scattano le sanzioni per le compagnie che violano i diritti dei passeggeri in caso di voli in ritardo,
di imbarco negato o di cancellazioni. L’Enac ha infatti completato l’iter che lo autorizza a multare i
vettori inadempienti con sanzioni che arrivano fino a 50 mila euro, “deciso ad applicare con puntualità – si legge in una nota – quanto stabilito dal regolamento comunitario” in materia di difesa degli utenti del trasporto aereo, proprio per il suo “ruolo normativo ed istituzionale di garante del rispetto dei diritti dei passeggeri”. L’avvio delle multe contro le compagnie che non rispettano i diritti dei passeggeri è infatti frutto di una circolare sul procedimento sanzionatorio previsto da un regolamento comunitario che stabilisce regole comuni europee in materia di compensazioni e assistenza ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazioni del volo e di ritardi prolungati. In sostanza, l’Enac dovrà avviare una fase di accertamento che potrà partire d’ufficio o in seguito a segnalazioni o reclami di passeggeri. A questo atto seguirà la contestazione e la notifica al vettore aereo che potrà a sua volta inviare le sue controdeduzioni. L’iter terminerà quindi con un’ordinanza motivata di archiviazione o con un’ingiunzione di pagamento della sanzione che potrà variare tra i mille e i 50 mila euro. L’importo delle sanzioni – spiega l’Enac – verrà stabilito in base alla gravità della violazione, alla sua reiterazione, alle azioni poste in essere dal vettore per eliminare o ridurre le conseguenze delle violazioni stesse, al rapporto percentuale dei passeggi coinvolti e da altri eventuali criteri ritenuti applicabili a seconda dei casi. A seguire la fase istruttoria della procedura sarà la direzione aeroportuale dell’Enac, mentre l’emissione dell’ordinanza verrà effettuata dalla direzione regionale competente sul territorio.

News Correlate