mercoledì, 2 Dicembre 2020

Enac, rischiano di slittare i tempi per la licenza a MyAir

E la neonata compagnia si riserva d’avviare “iniziative opportune”

La licenza di operatore aereo richiesta dal neo vettore Myair non potrà essere consegnata per il 17 dicembre, come annunciato dalla neocompagnia che sta cercando di inserirsi sul vuoto lasciato dalla compagnia Volare. Lo ha annunciato Vito Riggio, presidente dell’ Enac, l’ Ente per il controllo dell’ aviazione civile preposto al rilascio delle licenze. ‘La documentazione economica ci è appena arrivata e ci vorrà tempo per valutare la consistenza finanziaria della compagnia”, ha detto Riggio a margine di un convegno della Uil Trasporti. Il presidente dell’ Enac ha comunque chiarito che ”il consiglio di amministrazione dell’ ente non ignora le polemiche, ma deve fare attente verifiche che richiedono tempo. Per il 17 dicembre non ce la faremo”. Riggio si è quindi detto stupito del fatto che la compagnia abbia iniziato a vendere biglietti: ”mi sembra impossibile perchè non hanno ancora la certificazione di operatore aereo”, ha sostenuto, annunciando che oggi è previsto un incontro con il presidente della nuova compagnia Carlo Bernini.
La risposta di MyAir non si è fatta attendere. L’ ad di My Air Merrick Adelstein
”valuterà” le iniziative ”opportune” in caso di ritardi nel rilascio della licenza di volo per la sua compagnia, attesa per avviare l’ attività e rispettare gli impegni presi. Lo afferma in una nota. ”Apprendo da una dichiarazione rilasciata alla stampa a margine di un convegno della Uil trasporti dall’On.le Raggio (presidente Enac) – spiega – che l’esame della documentazione relativa alla certificazione della compagnia My Air non potrebbe
essere ultimata prima del 17 c.m”. Ma poichè la domanda di certificazione è stata presentata in data 14 luglio 2004 e riscontrata da Enac in data 8 settembre 2004 ”confermando il rilascio del certificato entro 90 giorni dalla data di presentazione della domanda e che tale riscontro non e’ mai stato successivamente smentito”, Adelstein rileva che ”qualora tale dichiarazione fosse confermata, il Cda di My Air valuterà tutte le iniziative da prendere in attesa del provvedimento di certificazione, anche per onorare – spiega nel dettaglio – gli impegni assunti secondo le normali prassi commerciali”.

News Correlate