domenica, 17 Gennaio 2021

Enit: città d’arte, previsioni incoraggianti per il 2003

Sondaggio condotto fra 140 operatori turistici di 44 Paesi

Il 2002 è stato un anno nero per le città d’arte, ma il 2003 dovrebbe segnare il rilancio di questo settore, che ha risentito più di altri la contrazione di presenze di americani, giapponesi e tedeschi. Nel 2003, invece, la musica dovrebbe essere completamente diversa. E’ la valutazione di oltre 140
operatori di viaggi internazionali di 44 paesi che hanno preso parte alla Borsa Internazionale del Turismo Culturale che si è svolta a Roma, con la partecipazione di oltre 350 operatori turistici italiani. L’indagine svolta dall’ENIT indica che oltre il 50% dei Tour Operators e degli agenti di viaggi stranieri interessati al prodotto città d’arte prevedono un incremento dei visitatori, mentre per il 44,17% si avrà un flusso stabile. Il 4,17% prevede invece un decremento. Gli operatori esteri hanno apprezzato in particolare l’ampiezza del catalogo delle proposte di viaggi presentate dall’Italia e la competitività dei pacchetti, mentre hanno espresso molte preoccupazioni per le conseguenze che potrebbero produrre l’eventuale conflitto con l’Iraq e una crisi economica generalizzata con diffuso aumento dei prezzi. L’accoglienza italiana è considerata favorevolmente: in particolare circa il 67,44% dei tour operator e gli agenti di viaggi esteri presenti alla Borsa hanno giudicato ‘buona’
l’organizzazione della Borsa, il 17,09% ‘molto buona’ e il 15,47% ‘adeguata’.

News Correlate