martedì, 26 Ottobre 2021

Esposto Snav contro Tirrenia

La società che fa capo a Gianluigi Aponte contesta comportamento restrittivo della concorrenza

Un esposto in cui si denuncia la società pubblica di navigazione Tirrenia per comportamento restrittivo della concorrenza è stato inviato dalla Snav, società italiana che fa capo all’armatore ginevrino Gianluigi
Aponte, al ministro dei Trasporti, Pietro Lunardi e al ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. La Tirrenia ha preferito non replicare alle accuse affermando di non aver ancora ricevuto alcuna comunicazione in merito.
Nell’esposto, che è stato inviato anche agli assessorati ai Trasporti della regione Sicilia e Campania, nonché alla Direzione D dei Trasporti Marittimi della Commissione Europea, si denuncia ”la illecita pratica dei prezzi” attuata dalla società pubblica Tirrenia nei confronti dei diretti concorrenti. ”Oltre a campagne di sconti con varie formulazioni, la Tirrenia – si legge nell’esposto – adotterebbe anche una sorta di concorso a premi tra la rete delle agenzie che prevede, a seconda del fatturato prodotto, in premio una mountain bike, un motorino o una autovettura, oltre ad una over-commission che va dal 2 al 4 per cento del fatturato
prodotto”. In chiusura la Snav fa notare che la convenzione ventennale della Tirrenia con lo Stato è in realtà scaduta il 31 dicembre del 1995”.

News Correlate