sabato, 16 Gennaio 2021

Eurostat, in aumento gli europei che viaggiano in aereo

Nel 2003 sono stati 74 milioni solo in Italia, 590 nel continente

Sempre piu’ europei e sempre piu’ italiani scelgono l’aereo come mezzo di trasporto. Nel 2003, secondo i dati diffusi oggi da Eurostat, sono stati
590 milioni i passeggeri totali nell’Ue a 25, con un incremento del 4,9% rispetto al 2002. L’Italia, con 74 milioni di viaggiatori, e’ la quinta nazione in Europa dopo Inghilterra (178 milioni), Germania (121), Spagna (120) e Francia (96). L’Italia, inoltre, ha registrato un incremento di passeggeri del 15,8%, l’aumento piu’ alto tra i primi paesi in classifica e il quarto in assoluto (dopo il 27% della Slovacchia, il 18,2 della Repubblica Ceca e il 17,9 dell’Estonia). Indiscusso il primato dell’Inghilterra: Heathrow, a Londra,
e’ l’aeroporto piu’ frequentato in assoluto e i tre scali principali della capitale inglese (Heathrow, Gatwick e Stansted) hanno visto da soli nel 2003 un transito di 110 milioni di individui. Seguono l’aeroporto Main di Francoforte (48 milioni e 23 mila passeggeri), il Charles de Gaulle di Parigi (48 milioni
e ottomila) e Schipol ad Amsterdam (40). Non sfigurano pero’ i due principali aeroporti italiani, entrambi nella top 25 dell’Unione. Roma Fiumicino e’ settimo, con oltre 25 milioni di passeggeri, e Milano Malpensa occupa il quindicesimo posto, con un transito di 17 milioni di individui. Tra i nuovi stati membri solo gli scali di Praga, Varsavia e Budapest figurano nelle prime 50 posizioni.

News Correlate