martedì, 29 Settembre 2020

Expo Riva Hotel, la ripresa passa dal wellness

La cura dei cibo e dei servizi sono le chiavi per il rilancio dell’hotellerie in Italia

Il Quarto rapporto congiunturale sul mercato delle attrezzature per alberghi parla chiaro: l’hotellerie italiana per rilanciarsi deve puntare su benessere,
ristorazione di qualita’, servizi e opportunita’ per anziani e bambini.
L’indagine, presentata ad Expo Riva Hotel e realizzato da Nadio Delai per Ermeneia, mettendo a confronto numeri e opinioni degli operatori del settore con i dati e le percezioni dei produttori di beni e attrezzature, ha rilevato novita’ e orientamenti di mercato. La prima constatazione e’ che il settore dell’ospitalita’, dopo tre anni di andamento negativo della domanda, sembra lentamente riprendersi. In particolare ritornano soprattutto i turisti stranieri che determinano un +2,2% di fatturato negli alberghi italiani, anche se con una
riduzione delle presenze. La seconda constatazione e’ che anche il mercato delle attrezzature – che rappresenta un valore di 7,3 miliardi di euro l’anno – mostra una crescita sia del fatturato che dell’export dopo tre anni di andamento alternante. La terza constatazione e’ che, sul fronte del ‘sentiment’ degli
operatori, il 2005 sembra aprirsi all’insegna di una scommessa positiva, sia per quanto riguarda le aziende-clienti che per le aziende produttrici. Anche se e’ stata sottolineata una polarizzazione delle posizioni: da un lato le aziende-clienti che hanno accettato la sfida della competizione (e cercano percio’ di riqualificarsi) e dall’altro quelle che non si sono messe in gioco e vivono un 2004 e un 2005 ancora sotto soglia. Nel quadriennio 2000-2004 le imprese dedicate al wellness sono cresciute del 76,7%. E gli albergatori piu’ attenti puntano a diverse innovazioni di prodotto per ”sedurre” la propria clientela: nel 2004 il 24,0% ha investito nel wellness, il 43,7% nella ristorazione, il 47,1% in strutture per bambini e il 26,7% in servizi e opportunita’ per anziani, il 23,1% nella congressualita’ e nella formazione.

News Correlate