venerdì, 22 Ottobre 2021

Federalberghi, rinnovato il contratto per i dirigenti degli alberghi

Dal 1° luglio 280 Euro lordi e 240 per il biennio 2005/06, e 2.000 Euro di una tantum

E’ stato rinnovato il contratto nazionale per i dirigenti che lavorano nelle aziende associate a Federalberghi. L’intesa prevede un aumento di 280 euro lordi
mensili dal primo luglio 2004 (comprensivi di 50 euro al mese per il valore convenzionale dell’alloggio), ulteriori 240 euro lordi per il biennio 2005-2006 e una una tantum di 2.000 euro, che copre la vacanza contrattuale del 2003, da corrispondersi con la retribuzione del mese di luglio. Nella parte normativa
sono previsti incentivi per favorire la nomina di figure manageriali nelle imprese e in particolare al Sud e l’avvio di un programma di prevenzione sanitaria. Lo rende noto un comunicato di Manageritalia (Federazione nazionale dei dirigenti, quadri e professional del commercio, trasporti, turismo, servizi e terziario avanzato) che ha chiuso il rinnovo del contratto con Federalberghi (Federazione delle Associazioni Italiane Alberghi e Turismo). Le parti hanno deciso di posticipare la scadenza della parte economica del contratto nazionale al 31 dicembre 2006, data che coincide con la scadenza della parte normativa. La decorrenza è il primo gennaio 2003, fatte salve diverse decorrenze previste
da singole norme. In particolare, la parte economica per il biennio 2005-2006
prevede un incremento di 120 euro dal primo gennaio 2005 e di ulteriori 120 euro dal primo gennaio 2006. La parte normativa prevede il finanziamento di programmi
mirati di prevenzione in ambito sanitario, tramite una rimodulazione della contribuzione versata al Fasdac; la rimodulazione della contribuzione destinata alla previdenza integrativa e l’adeguamento della normativa contrattuale in
materia di ferie e risoluzione delle controversie di lavoro, in linea con le recenti modifiche introdotte dal legislatore nazionale e comunitario.

News Correlate