sabato, 26 Settembre 2020

Federcongressi, bene la Finanziaria sull’Iva

Ma si teme per la possibile introduzione della city tax

Federcongressi si spacca sulla Finanziaria. Da un lato, infatti, le norme sulla detraibilità dell’iva sono state accolte con favore dagli associati mentre desta molte perplessità la possibilità di introdurre una tassa di soggiorno. La dichiarazione di Massimo Fabio, presidente di Italcongressi e vicepresidente di Federcongressi, in tal senso è significativa: “L’introduzione della tassa di soggiorno rischia di penalizzare le località che ospitano i grandi congressi internazionali. Ma abbiamo accolto con piacere le norme sulla detraibilità dell’Iva”. Secondo Adolfo Parodi, presidente di Federcongressi, sulla legge Finanziaria 2007, “è necessario un esame attento dei provvedimenti che riguardano l’industria degli eventi, in particolare la detraibilità dell’Iva”. Infine Stefania Agostini, del comitato esecutivo di Federcongressi, ha posto l’accento sulla relazione conclusiva fatta dal vicepremier Francesco Rutelli durante la Conferenza italiana per il turismo a Montesilvano (Pe). “E’ la dimostrazione – ha sottolineato Agostini – che oggi la politica considera il nostro settore una priorità strategica. Non era mai accaduto prima”.

News Correlate