venerdì, 18 Giugno 2021

Federturismo, al Sud solo il 15% di stranieri

Jannotti Pecci, presenteremo le nostre proposte in vista della Finanziaria

Il Mezzogiorno d’Italia assorbe solo il 15% del turismo relativo ad arrivi di stranieri, mentre l’85% si divide tra Nord e Centro: bisogna far crescere la destinazione Mezzogiorno, da parte di stranieri ed italiani, ”senza sottrarre arrivi alle destinazioni del Centro e del Nord, perché il Mezzogiorno presenta un patrimonio culturale, artistico ed ambientale diffuso sul territorio, da valorizzare in maniera sostenibile”. A sostenerlo è il neo presidente di Federturismo-Confindustria, Costanzo Jannotti Pecci, che oggi è intervenuto a Fiuggi al convegno sul tema ‘Infrastrutture e sistema produttivo: quali strategie per la Finanziaria 2003?’. Secondo Jannotti Pecci, ”liberare ed impegnare risorse per l’ammodernamento delle infrastrutture anche d’interesse turistico, armonizzare il trattamento fiscale, economico e sociale delle imprese turistiche con quello dei competitors europei, un impegno appropriato per una promozione integrata: sono precondizioni per favorire la crescita delle imprese e del sistema turistico e per accrescere l’apporto specifico al PIL”. Federturismo – ha detto infine noto il presidente – intende partecipare a tutte le fasi di preparazione della legge Finanziaria 2004 con proprie proposte che si caratterizzeranno per l’ indicazione di misure, anche di semplificazione, rivolte a favorire le attività turistiche. ”Strade, autostrade, collegamenti ferroviari, ponti, porti, opere intermodali ma anche le autostrade del mare – ha concluso Jannotti Pecci – vanno avviate a realizzazione se non si vuole rischiare la prevista paralisi della mobilità che si verificherà al 2016, in assenza di interventi”.

News Correlate