giovedì, 24 Settembre 2020

Ferrovie, il piano di Moretti contro i conti in rosso

Trasferte solo in treno, se in aereo solo voli low cost, stop ai taxi per Fiumicino

Risparmi sulle trasferte dei dirigenti e un uso più razionale degli spazi fisici per tutti, a cominciare dai vertici aziendali. Ecco come il nuovo ad di Fs, Mauro Moretti, intende fermare gli sprechi all’interno del Gruppo che ha i conti in profondo rosso. E la linea di rigore del nuovo amministratore delegato non risparmia proprio nessuno. Neppure i manager. Così, dopo aver soppresso le auto blu, Moretti ha deciso di assegnare un preciso numero di metriquadri in rigorosa scala gerarchica: 30 mq a testa per i vertici aziendali, meno per capi ufficio e addetti che si vedono assegnare solo 7 metriquadri a cranio. Inoltre, d’ora in poi, per raggiungere le località di trasferta, i dirigenti dovranno usare solo il treno. Aboliti i viaggi in aereo in business class. “Il ricorso ad altri mezzi di trasporto, che dovrà essere gerarchicamente autorizzato e debitamente motivato, – recita la circolare diramata dalla Direzione generale – sarà consentito solo nel caso in cui il treno risulti non disponibile o non adeguato a rispondere alle esigenze di servizio”. Laddove il ricorso all’aereo venga consentito, “si devono utilizzare voli low cost ove disponibili o, in alternativa, biglietti economy class a tariffa chiusa o ridotta”. Business class consentita solo per i voli intercontinentali, inclusi quelli da e verso la Russia. Ovviamente è abolito anche il taxi per raggiungere l’aeroporto di Fiumicino: da ora in poi si dovrà usare il Leonardo Express.

News Correlate