martedì, 22 Settembre 2020

Festival Crociere, aumentano gli scali al Sud

A Messina i transiti passeranno da 42 a 52, a Civitavecchia da 3 a 24

Cresceranno nella prossima stagione invernale gli scali della compagnia Festival Crociere nei porti del centro-sud. In particolare a Messina, dove i transiti delle navi passano da 42 a 52, e Civitavecchia dove si passa da 3 transiti di quest’anno a 24 nel prossimo. Genova si conferma come scalo strategico della compagnia di Giorgio Poulides. Restano inalterati i transiti previsti per il porto di Venezia (65), mentre si incrementano, anche sotto il profilo qualitativo, gli scali nel porto di Bari (da 25 a 29); lo scalo pugliese, infatti, si configurerà per le navi Festival come ”port of calls”, per il quale sono previste soste prolungate e offerte di itinerari e escursioni, in rapporto anche la crescente interesse riscosso sul mercato turistico europeo da
parte della Puglia. Il porto di Napoli resta di fondamentale interesse per il gruppo europeo di Giorgio Poulides, il quale è in trattativa per l’ingresso nella compagine azionaria della Stazione Marittima di Napoli. Il porto di Genova, infine, registrerà un aumento del movimento passeggeri di diecimila unità, passando da 50 mila agli oltre 60 mila previsti per il prossimo anno, a conferma che la compagnia ha deciso di investire massicciamente nel capoluogo ligure, sede strategica delle proprie attività.

News Correlate