venerdì, 22 Gennaio 2021

Fiavet, incontro con delegazione Iata

Affrontato il tema della crescita del mercato italiano e la questione stampanti

Fiavet e Iata fanno ripartire il dialogo, analizzando la situazione del mercato italiano e affrontando la questione delle stampanti satellitari. Il presidente Fiavet, Giuseppe Cassara’, e il vice presidente vicario, Paolo Mazzola, hanno infatti incontrato una delegazione di Iata-Italia, guidata dal regional manager Dino Bossa. Al centro del dibattito, la situazione del mercato italiano che fa registrare importanti segnali di crescita. “In particolare – spiega un comunicato della federazione – e’ stato constatato il consistente aumento delle ‘targhette’, che ha comportato un fatturato globale per il 2005 di oltre 5,5 miliardi di euro, in forte crescita rispetto all’anno precedente, e dei cambi societari (circa 50 al mese), che lo stesso Bossa ha definito ‘frenetico’ rispetto agli altri Paesi europei”. Rovescio della medaglia, invece, i “default” che hanno raggiunto una media di dieci casi al mese, “con il preoccupante incremento di episodi che rasentano la vera e propria truffa”, sottolinea la Fiavet.
Nel corso dell’incontro, inoltre, e’ stata affrontata la questione delle stampanti satellitari, un fenomeno che secondo la federazione ha assunto proporzioni imprevedibili: nel nostro Paese se ne contano ormai 900, mentre altrove sono pressoche’ assenti. “Su questo aspetto – spiega la nota della Fiavet – la Iata, il 24 febbraio scorso, aveva inviato a tutte le agenzie una circolare annunciando il prelievo di una fee per le stampanti satellitari, trovando l’immediato e fermo diniego da parte delle associazioni delle agenzie di viaggio e dei tour operator”. Fiavet e Iata sono state d’accordo sulla necessita’ di affrontare nuovamente il problema nelle opportune sedi di concertazione e di riattivare i corsi di abilitazione decentrati.

News Correlate