domenica, 11 Aprile 2021

Fiavet, siglato l’accordo con AiNet

In dieci anni le agenzie di viaggio aggregate sono passate da 500 a 3150

Dopo anni di trattative, con l’accordo siglato oggi, l’AINeT, la prima associazione dei network turistici italiani, entra a far parte della Fiavet, la Federazione maggiormente rappresentativa della distribuzione turistica.
“E’ una data storica, dichiara soddisfatto Adriano Biella, Presidente dell’Ainet, perché per la prima volta in Italia, un sistema aggregativo della distribuzione trova piena condivisione dei progetti e delle azioni del sistema distributivo tradizionale ed indipendente, ed entra a far parte di esso per il raggiungimento dei comuni obiettivi. Le attuali dimensioni del fenomeno aggregativo, la cui nascita è da ricercare principalmente nell’esigenza di incrementare i profitti attraverso l’erogazione di servizi a valore aggiunto, migliorare i rapporti con i fornitori, creare economie di scala e realizzare iniziative di marketing congiunto, necessitava di una maggiora rappresentatività a livello politico istituzionale e sindacale. Basti pensare che in soli 10 anni le agenzie di viaggio aggregate sono passate da 500, quale erano nel 1995, con una incidenza dell’ 8%, alle 3150 di oggi, con una incidenza sul numero complessivo di agenzie di viaggio, stimato intorno alle 9000, del 35%. Il sistema, in altri termini, aveva bisogno di nuove alleanze per aumentare il grado di conoscenza del ruolo economico del settore e dei problemi settoriali e ridurre contestualmente, possibilmente regolamentandoli, i contenziosi “individuali” (consumatore, tour operator, vettore) e “sociali” (opinione pubblica, associazione di tutela del consumatore, media). Tutto ciò è ora possibile grazie alla collaborazione con la Fiavet con la quale abbiamo in comune il forte interesse a rafforzare la consistenza, il peso politico e l’unità delle categorie economiche operanti nel settore turismo”.
L’accordo di tipo federativo fra la Fiavet e l’Ainet, stipulato nell’intento di arrecare reciproci vantaggi alle due Associazioni, sia in termini di rappresentanza politica che di massa critica, è frutto della rapida evoluzione del mercato e dell’esigenza di doversi adeguare ai cambiamenti in atto. “Per realizzare l’accordo, ha detto il Presidente della Fiavet, Antonio Tozzi, metteremo in atto tutti i necessari adeguamenti. Ma si tratta di una fatica piacevole, perché sono indubbi i vantaggi che possono derivare alla Federazione e ai suoi Associati. L’accordo, infatti, nasce con l’obiettivo dichiarato di aumentare la credibilità e la fiducia all’interno della filiera turistica; di incrementare i consumi commercializzati dalla rete distributiva del turismo organizzato e destagionalizzare la domanda. Obiettivi questi il cui raggiungimento non potrà che rafforzare il ruolo istituzionale della Federazione nell’interesse di tutta la categoria e del turismo italiano”.

News Correlate